Il primo incontro prevede una consulenza conoscitiva in cui la persona mi racconta di se, del suo stile di
vita e del perché si è rivolto a me. Si prosegue il percorso con una visita dietistica-nutrizionale.

Nei due incontri effettueremo:
– un’anamnesi generale
– una valutazione dello stile di vita (anamnesi alimentare e motoria)
– una rilevazione dei dati antropometrici (peso, altezza, calcolo del BMI, circonferenze)
– una valutazione dello stato nutrizionale e della composizione corporea attraverso bioimpedenza (massa
grassa, massa magra, stato di idratazione)
– il calcolo del metabolismo basale e dei fabbisogni di energia e nutrienti

A questo incontro seguirà l’elaborazione di un programma dietetico-nutrizionale personalizzato, calcolato interamente e rigorosamente a mano: pietanza per pietanza, caloria dopo caloria, di abbinamento in abbinamento… niente programmi automatici di elaborazione dietetica!

Si consiglia successivamente di effettuare controlli mensili, finché non è stato raggiunto un certo grado di
competenze ed autonomia. Al controllo valuteremo l’andamento generale, attraverso l’educazione
alimentare correggeremo insieme gli errori e le abitudini scorrette, pianificheremo le eventuali modifiche
da effettuare nel piano dietetico e ripeteremo le misure antropometriche e la bioimpedenza.
Il lavoro insieme si intende terminato quando la persona ha raggiunto un grado di consapevolezza
soddisfacente e sufficiente a condurre regolarmente un’alimentazione sana e bilanciata, che gli consenta di
godere di un buono stato di benessere fisico, oltre che mantenere il proprio peso forma!

COSA PUOI PORTARE ALLA PRIMA VISITA?

– analisi del sangue recenti,
– referti medici,
– diario alimentare dell’ultima settimana. Nel diario alimentare andrebbe appuntato tutto ciò che si
mangia, dal risveglio in poi. Non temere di scrivere effettivamente quello che mangi, non aver
paura di far trasparire il tuo vero stile alimentare: il mio lavoro non è giudicarti, ma capire quali
sono gli eventuali errori che possono averti portato ad una condizione di sovrappeso, di sottopeso,
piuttosto che di malessere fisico, per poterli correggere.

Top